homeMaurizio Tovagliarofotopubblicità giornalecartina tradatetrattamentimassaggio esteticolinfodrenaggio

massoterapiaosteopatiamassaggio sportivo/bendaggishiatsuriflessologia plantarepersonal .T.stretching

La riflessologia è un forma di massaggio del piede. È una tecnica olistica, termine derivante dal greco “holos” che significa intero, quindi considera l’individuo come un entità che comprende corpo, mente e spirito. La riflessologia opera sulla persona nella sua interezza allo scopo di farle raggiungere uno stato d’equilibrio e armonia. È una tecnica basata sulla pressione di specifici punti riflessogeni del piede, che si fonda sulla premesse che tali zone riflessogene hanno delle corrispondenze in tutte le parti del corpo. Dal momento che il piede rappresenta un microcosmo del corpo, tutti gli organi, le ghiandole e altri parti, vi sono rappresentate in una disposizione simile.
Il riflesso è una risposta involontaria ad uno stimolo. Ogni parte del corpo è predisposta a un interessamento riflessologico poiché il corpo è proiettato su ogni parte periferica in modo tale che la sua situazione generale, centrale e periferica, possa essere sempre integrata e ascoltata da tutto il corpo.
Una delle spiegazione del funzionamento della riflessologia è legato ai riflessi neurologici dei nervi rachidei, che escono dal midollo spinale e si collegano al sistema nervoso periferico: il riflesso viscero-muscolo-cutaneo e quello cuti-muscolo-viscerale. Tale meccanismo, definito degli archi riflessi, si basa sul duplice ruolo svolto dai nervi della colonna che captano i messaggi (fibre centripete) e contemporaneamente trasmettono gli impulsi del sistema centrale verso la periferia (fibre centrifughe) In pratica se un organo è sofferente si produce una stimolazione nervosa che si trasmette al midollo spinale e da questo giunge a regioni cutanee ben definite (zone riflesse) provocando una sensibilità cutanea o muscolare. Lo stesso meccanismo agisce nell’altro senso: una tensione muscolare o una lesione traumatica periferica possono influenzare l’organo corrispondente. Agendo sulla zona muscolare o cutanea tesa e dolente si invierà un messaggio di allentamento delle tensioni, alleviando anche le condizioni dell’organo corrispondente.

 

RIFLESSOLOGIA